Le Teglie in ferro Blu


A cosa servono, come si adoperano, bruciatura e manutenzione.

teglia in ferroUna delle teglie migliori per cuocere pizza e focaccia nel forno di casa è quella in ferro, detta anche in ferro blu, metallo che, meglio di altri, è adatto alla cottura di questi cibi perchè rilascia calore in modo lento e costante garantendo così una cottura perfetta, pizza morbida sopra ma croccante sotto e senza bruciature.

Se ci fate caso anche le pizzerie professionali, quelle al metro per intenderci, hanno tutte teglie, rettangolari o rotonde, in ferro blu, ci sarà pure un motivo valido... o no ?

Non è però antiaderente e senza un adeguato trattamento iniziale sarebbe difficile sfornare qualsiasi cosa senza il rischio che resti attaccato sul fondo della teglia stessa. Vediamo allora come renderla antiaderente nel modo più naturale, con una pattina di olio extravergine di oliva che con l'operazione della bruciatura diventerà vetrificato.

La bruciatura

Prima di essere utilizzate necessitano di un trattamento chiamato "bruciatura" che consiste nel pulire bene la teglia con un panno carta per rimuovere tracce di unto, o altro prodotto, usato dal produttore a protezione della ruggine.

Portare il forno di casa a 150/160 ° e mettere la teglia al suo interno lasciandola a quella temperatura per una mezz'ora. Estrarre la teglia e lasciarla raffreddare a temperatura ambiente.

Bene, dopo questa operazione preliminare si passa alla bruciatura vera e propria e cioè:

1) portare il forno di casa alla sua max temperatura, di solito non arrivano sopra ai 250°

2) ungere la teglia dentro e fuori con un sottile velo di olio extravergine di oliva

3) infornare la teglia unta e lasciarla per una mezz'ora, se tutto procede correttamente si vedrà del fumo e si sentirà un cattivo odore dovuto all'olio che viene consumato e vetrificato dal calore.

4) togliere la teglia e lasciarla raffreddare a temperatura ambiente per un paio d'ore

5) ripetere una seconda volta tutta l'operazione dal punto 1) al punto 4)

A questo punto la teglia è pronta per essere usata senza il rischio che si attacchi l'impasto sul fondo.

Manutenzione e pulizia della teglia

Per la pulizia basta un panno carta asciutto, niente detersivi, né acqua o spugne abrasive.

Nel caso in cui restasse attaccato parte dell'impasto, intanto significherebbe che la bruciatura e relativa pattina antiaderente non è andata a buon fine, ma nessun problema. Si asporta con una spatola di plastica in modo da non graffiare la teglia stessa, io adopero un panno carta con dell'olio e metto sopra la parte da asportare del sale fino, poi sfregando questo sale fa da abrasivo e si porta via tutto. Ho detto "io metto" ma avrei dovuto dire "io avevo messo" perchè dopo il periodo iniziale mai più si è attaccato qualcosa a questa teglia meravigliosa.

Nel caso in cui questo sistema non dovesse riuscire, si potrà anche lasciare in ammollo (solo la parte interna) per agevolarne il distacco, ma poi una volta asportato la teglia va fatta asciugare bene, nel forno caldo, perchè il nemico numero uno di queste teglie è proprio l'umidità che ne favorirebbe la ruggine, ed anzi, a questo proposito è buona norma, lasciare sempre la teglia unta da un velo d'olio prima di riporla per la prossima volta, olio che sarà poi asportato con un panno carta prima di usarla per la cottura successiva.

E se dovesse comparire la ruggine? diciamo che se il trattamento è fatto bene, e la teglia non viene bagnata, non c'è alcun motivo per fare la ruggine, ma nel caso accadesse va asportata con della carta vetrata, o tela smeriglio, a grana fine insistendo fino a raggiungere il metallo vivo per poi ripetere la bruciatura.


Buon utilizzo delle Teglie in ferro blu...
(le piccole immagini nel procedimento si possono ingrandire toccandole o facendo click sopra l'immagine stessa)

Andrea Bianchi






Spiga di Frumento

Questa pagina è stata visitata: 8.073 volte




Se avete domande, dubbi o altro potete iscrivervi al Gruppo facebook
su